Tensegrità Bologna

I Passi Magici di Carlos Castaneda


Lascia un commento

22 Settembre – Incontro di Tensegrità

I Passi Magici di Carlos Castaneda

Sabato 22  settembre  h. 16 – 18

presso la Palestra Il Fossolo Bologna

Don Juan riteneva che, poiché il comportamento umano è regolato dal linguaggio, gli uomini hanno imparato a reagire a quelli che lui chiamava comandi sintattici, formule di apprezzamento o deprezzamento costruite con il linguaggio, per esempio le risposte che ogni individuo fornisce o sollecita negli altri ricorrendo a frasi fatte come: Non c’é problema, E’ una sciocchezza, C’é da preoccuparsi, Potresti fare meglio, Non me la cavo a farlo, Ho il sedere troppo grosso, Sono il migliore, Sono il peggiore del mondo, Potrei sopportarlo, Me la cavo, Andrà tutto bene, ecc. Secondo Don Juan, quello che gli stregoni hanno sempre voluto è proprio fuggire dalle attività che derivano dai comandi sintattici.” Carlos Castaneda, Tensegrità

– Stiamo davvero realizzando il nostro sogno, quello del nostro corpo energetico? Secondo la saggezza degli antichi sciamani messicani, se i nostri sogni non sono davvero quelli della nostra essenza allora probabilmente non li realizzeremo. Per realizzarli abbiamo necessità di riscoprire quali sono davvero i sogni della nostra essenza, del nostro corpo di energia, al di là degli automatismi sociali che abbiamo assorbito crescendo e che sono sempre attivi dentro di noi. In questo incontro esploreremo le risposta a questa domanda, praticheremo le tecniche dei passi magici, della ricapitolazione e dell’agguato, intentando attraverso il movimento del nostro corpo fisico e di tutti i nostri campi energetici insieme, ciò che dal nostro silenzio interiore maggiormente osa sognare la nostra essenza, o essere di energia.

– L’Incontro è introduttivo alle tecniche di Tensegrità e di presentazione delle prossime Classi e   successivi Incontri. Consigliati abiti comodi, calzettoni o scarpe di ricambio pulite per la palestra, penna e quaderno. Questi incontri sono guidati dalla Facilitatrice di Tensegrity Kilian e sono aperti a tutti, esperti e nuovi arrivati.  L’incontro è gratuito. Info Kilian  – Siete tutti benvenuti !

I nostri automatismi sociali dipendono, in larga parte, dalla lingua, da semplici frasi che gli stregoni chiamano comandi sintattici. Ci lasciamo guidare, e guidiamo gli altri, con comandi linguistici che, con la tecnica del bastone e della carota, ci legano alle gerarchie sociali e rafforzano il senso del nostro ego. Ma non capisci? – Non sarai mica scemo? – Guarda è una cosa semplicissima! – Non ci riesco. – Ci devo riuscire! – Scusa. – Non c’è problema. – Lascia fare a me. – Sono il migliore. – Sono una schiappa. – A me non la racconti. – Tutto chiaro? “ Norbert Classen, Carlos Castaneda e i guerrieri di don Juan
 
– La Tensegrità è la versione rielaborata di alcuni movimenti chiamati passi magici che furono sviluppati dagli sciamani messicani fin da epoca precolombiana, un gruppo di uomini e donne veggenti che intraprese un viaggio per accrescere la conoscenza espandendo i limiti della percezione umana. Essi scoprirono tutta una vasta serie di posizioni corporee per ripristinare l’energia all’interno della sfera luminosa del corpo energetico, producendo nuovi e inconcepibili stati di benessere e consapevolezza. Carlos Castaneda, Taisha Abelar, Florinda Donner-Grau, e Carol Tiggs, insieme al suo gruppo e agli Istruttori di Cleargreen, crearono la Tensegrità. Una struttura energetica, sobria, fluida e dinamica, che racchiude ogni insegnamento ricevuto e si espande in ogni direzione. Tutti i passi magici descritti da Castaneda o dagli Istruttori sono efficaci, risvegliano l’energia dei tendini, il tendere e rilasciare, l’azione e l’abbandono, tensione ed integrità, ed ogni passo o forma ha uno specifico intento. Praticandoli si ridistribuisce l’energia nella sfera luminosa, si muove il punto di assemblaggio e possiamo percepire nuove informazioni e nuovi sogni, entrare nella seconda attenzione, migliorando noi stessi.

*  *  *  *  *  *  *  *

Prossime Classi di Tensegrity® Cleargreen

*  *  *  *  *  *  *  *

Prossimo Seminario a Berlino

*  *  *  *  *  *  *  *

NOTA IMPORTANTE: alcuni “Passi Magici” comportano dei movimenti che coinvolgono tutto il corpo. Segnalare prima della pratica se ci sono impedimenti, disfunzioni o parti del corpo dolorose e soggette a qualsiasi forma di terapia.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 71 follower

 


CICLICITA’ 13

29 Settembre, 6, 13 e 20 Ottobre

Palestra Il Fossolo 

h 16,00 – 18,00
Bologna

Ciclicità Serie XIII

Famiglia


Classi di Tensegrity® Cleargreen

 

In età adulta estendendo noi stessi al di là dell’ambiente familiare alla scoperta del mondo, potremmo aver inconsciamente pensato che abbiamo lasciato o superato definitivamente la nostra famiglia e i nostri fratelli.

Non ci siamo resi sufficientemente conto però che in ogni incontro scolastico, in riunione con i nostri superiori al lavoro, o assieme agli amici, spesso riproponiamo le stesse dinamiche comportamentali che abbiamo appreso all’epoca dell’infanzia ad esempio attorno al tavolo durante il pranzo o la cena quando eravamo in famiglia.

Se a casa ad esempio, un genitore ha assunto il ruolo dominante di leader, l’altro di sostenitore, mentre un fratello più grande ha agito come responsabile o come ribelle, e noi siamo stati i più piccoli “coccolati”, allora nelle nostre relazioni attuali stiamo forse giocando lo stesso ruolo?

Questi modelli comportamentali e di attaccamento della prima infanzia che abbiamo adottato tendono a stabilizzarsi in noi come gli unici possibili e si ripropongono ancora e ancora nelle nostre relazioni e storie dell’età matura.

In questa serie di lezioni, rivedremo questi ruoli, li riprodurremo nel Teatro dell’Infinito e praticheremo il Passo Magico del “ Delfino”, un essere le cui dinamiche sociali sono complesse almeno tanto quanto le nostre, per cogliere un’altra visione di come possiamo interagire e relazionarci diversamente all’interno della nostra famiglia o tribù.

Questo ci permetterà di rivedere i nostri modelli di attaccamento assunti nell’infanzia, e alla luce della consapevolezza che ci porterà il nostro corpo di sogno, realizzeremo quali passi possiamo fare per liberarci da questi modelli o ruoli inconsci, e costruire su basi differenti le nostre relazioni attuali e future.

******

Queste Lezioni sono organizzate da Cleargreen Inc. e vengono tenute dai Facilitatori di Tensegrity® nei Gruppi di Pratica di tutto il mondo.

******

Evento Facebook

***

Portare scarpe di ricambio pulite per la palestra, penna e quaderno o diario di navigazione. Consigliati abiti comodi. Le lezioni sono aperte a tutti, esperti e nuovi praticanti. Le Classi saranno condotte dalla Facilitatrice di Tensegrity®  Kilian Erthran

Costo di una singola Classe € 16,00, quattro classi € 50,00. Si può pagare anticipatamente sul posto. E’ inoltre possibile, per chi lo desidera, pagare anticipatamente tramite PayPal contattando preventivamente Kilian Erthran

 



 

Queste Lezioni di circa 2 ore ciascuna sono offerte da Cleargreen Inc. in collaborazione con i Facilitatori e dai Facilitatori in formazione di Tensegrity® nei Gruppi di Pratica di tutto il mondo.

NOTA IMPORTANTE: alcuni “Passi Magici” comportano dei movimenti che coinvolgono tutto il corpo. Segnalare prima della pratica se ci sono impedimenti, disfunzioni o parti del corpo dolorose e soggette a qualsiasi forma di terapia.

Info  Kilian Erthran

 

INTRODUZIONE ALLA TENSEGRITA’

 

***

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 71 follower

***

 


TRASFORMARE I SOGNI IN REALTA’

Workshop dal 26 al 28 Ottobre a Berlino

Tour Esperienziale di un giorno a Berlin Adlershof

Circolo dell’Aquila con Renata & Bruce

“ I sogni passano alla realtà dell’azione. Dalle azioni deriva nuovamente il sogno, e questa interdipendenza produce la più alta forma di vita. “ Anais Nin

Introduzione al Workshop

 

PERCHÉ FINO AD ORA È STATA UNA SFIDA

Concepisci i tuoi obiettivi e sogni da un luogo interiore entro cui tutto ti è già noto, da ciò che hai già sperimentato personalmente, da ciò che osservi e dal tuo mondo circostante. La fruizione dei sogni, tuttavia, esiste nell’ignoto, al di fuori di ciò che hai già sperimentato. Gli esseri umani sono esseri attivi. Meditazione e progettualità visiva sono insufficienti in quanto statici. Per ottenere davvero ciò che è già nell’ignoto, devi essere disposto a intervenire attivamente in esso …  per approfondimenti, scorci e indizi, frequentemente, e riportare tutto ciò al conosciuto, al luogo in cui agire, mettere in atto e realizzare.

SOGNI + AZIONE = LA TUA VITA STRAORDINARIA

Iscrizione semplice al Workshop

Iscrizione + Tour di un giorno a Berlino Adlershof  … Immergiti in una città di sognatori – Posti Limitati

Iscrizione + Tour + Circolo dell’Aquila: Incontro interno con Renata & Bruce potentemente orientato all’azione, per coloro che si impegnano a utilizzare questo lavoro per migliorare le loro vite e quelle degli altri – Posti Limitati

Se desideri iscriverti, info Kilian

In questo primo dei tre video di formazione gratuiti sull’arte del sogno pratico, Renata Murez ci mostra la fonte dei nostri sogni. Molti di noi non si rendono conto che i nostri sogni non sono i nostri. Sentiamo di essere soli e di essere unici.

Reni ci mostra come i nostri sogni siano un insieme di tutte le nostre esperienze di vita con molte altre persone che contribuiscono ad essi. Pensiamo di essere i creatori dei nostri sogni … in realtà, siamo un contributo minore ad essi.

Inizierai a declinare … per separare i tuoi sogni dalle parti che altre persone giocano in essi in modo da poter scegliere consapevolmente il TUO sogno.

Clicca sul link qui sotto per vedere questo primo passo verso l’Arte del Sogno Pratico, e i seguenti due free video.

The art of Practical Dreaming – 3 Free Video Training 


Tensegrity Women

Carlos Castaneda’s Tensegrity®

Incontro di pratica dei Passi Magici per le donne

Tensegrity Women

 Martedì 5 giugno 2018 

dalle 18,30 alle 20,30 

Presso l’associazione “Associazione Armonie 

Via Emilia Levante 138 Bologna

Per i veggenti sciamani della tradizione tolteca le donne sono equipaggiate dell’incredibile dono di una matrice evolutiva, l’utero, che non ha soltanto la funzione creativa del concepire nuova vita, ma ha anche una funzione secondaria, il sognare e la diretta percezione dell’energia. Essi riconoscono questa seconda funzione come avente un preciso scopo evolutivo per il genere umano. Le forme di socializzazione in cui le donne sono immerse le mantengono in uno stato di mancato riconoscimento dei legami energetici e delle potenzialità della propria matrice. Le veggenti sciamane di questa tradizione hanno riportato alla luce l’esistenza di tali legami e ci hanno tramandato alcune tecniche che permettono alle donne di recuperare completamente la loro energia e riattivare la funzione secondaria della loro matrice. Queste tecniche sono nello specifico costituite da movimenti corporei o danze, chiamati anche Passi Magici, e da un atto energetico basato sul respiro, chiamato Ricapitolazione. In questo incontro praticheremo i Magical Passes® (Passi Magici) della Serie dell’Utero, la Ricapitolazione e il rintracciamento dell’energia, tramandati dall’attuale linea femminile del lignaggio di don Juan, maestro di Carlos Castaneda, per raccogliere l’energia, farla rifluire nell’utero, ricaricarlo di energia, e risvegliare la sua funzione percettiva ed evolutiva

Questa Pratica è riservata e dedicata a tutte le donne. Ma è vivamente sconsigliata alle donne incinte. Consigliati: una partecipazione attiva alla pratica interattiva di gruppo, abiti comodi,  quaderno e penna per appunti, scarpe o calzettoni di ricambio per la palestra. L’incontro è a offerta libera.

La PRATICA sarà condotta dalla Facilitatrice di Tensegrity® Kilian Erthran.
Per informazioni sulla Pratica contattare:

Kilian: 339 1472393 – kilian.erthran@gmail.com
https://kilianarthran.wordpress.com

* * * Siete tutte benvenute… * * *

  Info  Kilian Erthran

Introduzione alla Tensegrità  

 

La TENSEGRITY® di CARLOS CASTANEDA:

La Tensegrità è la versione rielaborata di alcuni movimenti chiamati passi magici che furono sviluppati dagli sciamani messicani fin da epoca precolombiana, un gruppo di uomini e donne veggenti che intraprese un viaggio per accrescere la conoscenza espandendo i limiti della percezione umana. Essi scoprirono tutta una vasta serie di posizioni corporee per ripristinare l’energia all’interno della sfera luminosa del corpo energetico, producendo nuovi e inconcepibili stati di benessere e consapevolezza. Carlos Castaneda, Taisha Abelar, Florinda Donner-Grau, e Carol Tiggs, insieme al suo gruppo e agli Istruttori di Cleargreen, crearono la Tensegrità. Una struttura energetica, sobria, fluida e dinamica, che racchiude ogni insegnamento ricevuto e si espande in ogni direzione. Non c’è più un lignaggio di un gruppo di guerrieri, ma moltissime e svariate persone, guerrieri navigatori di questa era moderna che continuano il viaggio verso la consapevolezza. Tutti i passi magici sono efficaci, risvegliano l’energia dei tendini, il tendere e rilasciare, l’azione e l’abbandono, tensione ed integrità, ed ogni passo o forma ha uno specifico intento. Praticandoli si ridistribuisce l’energia nella sfera luminosa, si muove il punto di assemblaggio e possiamo percepire nuove informazioni e nuovi sogni, entrare nella seconda attenzione, migliorando noi stessi. I passi magici portano alla consapevolezza che ogni cosa, invece di essere una catena ininterrotta di oggetti è una corrente, un flusso. Siamo abituati a percepire nella vita quotidiana il mondo come qualcosa di scontato che si muove come si muove una catena ininterrotta di esseri con una consistenza materiale che ci sono, esistono, inspiegabilmente, senza connessione, e senza spiegazione. Viviamo immersi in un mondo di materia dove gli oggetti sono una catena ininterrotta che ha o, solo lo scopo di soddisfare le nostre esigenze o, non ha senso alcuno. La pratica dei passi magici ci porta alla consapevolezza non solo che non è così ma anche che sta cambiando il nostro modo di percepire. Non siamo circondati da una catena ininterrotta di oggetti in sè inspiegabile o insignificante. Questa percezione di un flusso o armonia tra gli esseri che compongono questo universo può essere un primo passo verso la seconda attenzione. Gli strumenti chiave della pratica di Tensegrity® sono:

  • Magical Passes®: la versione moderna di movimenti e posizioni del corpo e respirazioni, scoperti dai veggenti del Messico antico in stati di consapevolezza chiamati sognare, che aiutano a sintonizzare il proprio corpo energetico; ed a ripristinare un sano flusso fisico ed energetico nel proprio essere.
  • Ricapitolazione: rivedere le proprie esperienze di vita con il supporto dell’attenzione e del respiro. Questo viene fatto per recuperare l’energia vitale lasciata nelle proprie interazioni e per assumersi la responsabilità della propria vita senza giudicare.
  • Theater of Infinity™ (Il Teatro dell’Infinito): è strettamente legato ai Passi Magici, in particolare a quelli che evocano la consapevolezza di altre forme di vita. Nel ‘Teatro’ inteso come una pratica di consapevolezza, mettiamo in atto scene della nostra vita. Questa coscienza dà maggiore contesto alla nostra esperienza umana, ed aiuta a rompere la certezza e il giudizio sui ruoli che abbiamo assunto nella vita; ci aiuta a vedere e a liberarci anche di quei ruoli che potremmo aver preso da altri, portandoci una più profonda empatia ed una maggiore libertà di scelta.
  • l’Arte di Sognare è l’arte di essere presenti: è l’arte di riconoscere nuove possibilità e di lavorare con il proprio veggente interiore ― la nostra bussola interiore, che è collegata all’intelligenza dell’infinito.il Silenzio interiore è una pratica quotidiana in cui facciamo una pausa… ci sediamo o ci sdraiamo per ascoltare il nostro veggente interiore.

Nella pratica di queste tecniche siamo guidati dalla premessa che ‘L’Affetto è la forma più alta di intelligenza‘. Affetto verso sé stessi, per gli altri, per la straordinaria bellezza di questo mondo. L’affetto per questo momento.” https://castaneda.com

NOTA IMPORTANTE: alcuni “Passi Magici” comportano dei movimenti che coinvolgono tutto il corpo. Segnalare prima della pratica se ci sono impedimenti, disfunzioni o parti del corpo dolorose e soggette a qualsiasi forma di terapia.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 71 follower


19 e 26 Maggio – Incontri di Tensegrità

Quei veggenti descrivevano i risultati di questo passo come la capacità umana di inviare un raggio di consapevolezza in altre forme di vita. La loro grande realizzazione era che quel raggio impegnava la totalità della loro consapevolezza disponibile, così essi erano assolutamente consci delle condizioni percettive di altre forme di vita senza effettivamente diventare quelle altre forme di vita. …

L’idea dei veggenti era che l’essere alato femmina e maschio fosse un naturale espediente per entrare nel regno dell’autentico sconosciuto. 

( La Tensegrità di Carlos Castaneda, Volume Terzo, Ed. Il Punto D’Inconto.)

Sabato  19  e 26 maggio   h. 16 – 18 presso la Palestra Il Fossolo Bologna,  incontri di pratica dei Passi Magici di Carlos Castaneda, consigliati abiti comodi, calzettoni o scarpe pulite di ricambio per la palestra, penna e quaderno. In questo Incontro potranno essere praticati i Passi Magici “La Serie per preparare l’Intento”, “La Farfalla” e “L’Essere Alato Femmina e Maschio”.   L’incontro di pratica dei Passi Magici di Carlos Castaneda è aperto a tutti, esperti e nuovi praticanti. Un Incontro € 12,00 Info  Kilian Erthran

INTRODUZIONE ALLA TENSEGRITA’

Gli antichi erano silenziosi e profondamente ancorati in oceani di sensazioni fisiche ed energetiche, essi riuscivano a connettersi con i cicli della terra, delle stelle e dell’Infinito in generale. Il silenzio e la percezione che gli esseri umani avevano un tempo verso il mondo circostante e gli altri esseri sembrano ai giorni nostri essere stati invece sostituiti da un linguaggio che sottolinea il giudizio, la separazione e l’esclusione. Tensegrity, con i passi magici, o movimenti, che ci collegano al nostro corpo energetico affina la nostra percezione e la nostra attenzione di sogno. Così gli strumenti per percepire in silenzio e sognare da svegli, o dormendo, stanno proprio nelle nostre mani, nella consapevoleza normale, da questa parte del velo che spesso ci separa dalla consapevolezza accresciuta. Tutto ciò che dobbiamo fare è praticare e guardare i cambiamenti emergere, potendo avere una vita progettata dal nostro corpo energetico.

 

***

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 71 follower

***

 


Ciclicità XII

14, 21 e 28 Aprile, 5 Maggio

Palestra Il Fossolo 

h 16,00 – 18,00
Bologna

Ciclicità Serie XII

Fratelli e Sorelle


Classi di Tensegrity® Cleargreen

 

I fratelli e le sorelle – alcuni di noi li hanno mantenuti sino ad oggi come i migliori amici; altri li hanno respinti quando stavano crescendo e ancora oggi lo fanno; mentre altri di noi che erano ‘figli unici,’ non avevano fratelli e sorelle, ma solo i genitori o tutori come figure di riferimento, oppure in qualche modo abbiamo imparato delle lezioni di vita dal nostro amico del cuore o da un compagno di classe in veste di fratello o sorella. E queste lezioni erano su come andare d’accordo l’uno con l’altro, con i nostri coetanei. Oltre ai nostri genitori, i nostri fratelli e sorelle e i nostri coetanei sono stati alcuni dei nostri primi insegnanti riguardo al come relazionarci con noi stessi e con gli altri.
Sia che li abbiamo ammirati ed imitati, evitati o considerati i nostri migliori amici, il modo con cui abbiamo giocato o lottato assieme ai nostri fratelli, cugini, amici e compagni di scuola, ha influenzato l’idea di chi noi siamo e le relazioni che abbiamo costruito sino ad oggi.
In sostanza, le relazioni con i nostri fratelli rispecchiano le nostre relazioni con i coetanei che abbiamo attualmente. E anche se eravamo uno dei tanti fratelli o se eravamo figlia/figlio unico, incontriamo le stesse lezioni di vita nel competere per richiamare l’attenzione dei nostri superiori, nella rivalità, o nella ricerca di un luogo confortevole, sia all’interno di noi stessi che in mezzo agli altri.
Esplorare le nostre interazioni più profonde con i nostri fratelli e sorelle, o con i nostri coetanei, in ultima analisi ci aiuta a far brillare di più la luce della consapevolezza su noi stessi e sulle nostre relazioni.
Oltre ai movimenti di Tensegrity®, ai giochi di ruolo e all’agguato a sé stessi, in questa serie di lezioni esperienziali faremo:

  • una revisione di scene e storie relative a fratelli e amici per raggiungere la consapevolezza di ciò che ci ha forgiato, di ciò che siamo diventati a causa loro, e il nostro impatto su di essi, sia passato che presente;
  • scriveremo lettere di gratitudine verso i nostri fratelli e coetanei;
  • riguarderemo ad alcuni dei nostri ‘migliori amici’ nel corso del tempo;
  • scopriremo dei modi più efficaci per condividere con loro le nostre esperienze;
  • percepiremo noi stessi e gli altri, allora come oggi, come donatori e ricevitori di reciproche ispirazioni e conoscenze.

Sia che siate i migliori amici dei vostri fratelli, cugini e amici, o non così tanto amici, queste classi vi aiuteranno a chiarire le storie del passato per interagire nel presente, ora!, più consapevolmente e con più rispetto, gratitudine e affetto con i vostri preziosi fratelli e sorelle di tutti i tipi – parenti di sangue o di spirito!

******

Queste Lezioni sono organizzate da Cleargreen Inc. e vengono tenute dai Facilitatori di Tensegrity® nei Gruppi di Pratica di tutto il mondo.

******

Evento Facebook

***

Portare scarpe di ricambio pulite per la palestra, penna e quaderno o diario di navigazione. Consigliati abiti comodi. Le lezioni sono aperte a tutti, esperti e nuovi praticanti. Le Classi saranno condotte dalla Facilitatrice di Tensegrity®  Kilian Erthran

Costo di una singola Classe € 16,00, quattro classi € 50,00. Si può pagare anticipatamente sul posto. E’ inoltre possibile, per chi lo desidera, pagare anticipatamente tramite PayPal contattando preventivamente Kilian Erthran

 

In queste classi di Tensegrity esploreremo i nostri rapporti con i nostri fratelli, sorelle ma anche amici o coetanei, per portare alla luce schemi o rapporti disfunzionali che abbiamo appreso e modellato nella nostra storia personale e apportare dei cambiamenti nelle nostre relazioni attuali nella direzione della gratitudine e della reciprocità.

Per sostenere questa nuova navigazione nella prima e seconda attenzione, praticheremo come di consueto una forma di Passi Magici adatta allo scopo e assieme al nostro corpo energetico tenderemo un agguato al nostro sè personale per ricapitolare le nostre relazioni tra fratelli, sorelle e amici e risolvere i modelli disfunzionali che inconsapevolmente stiamo ancora portando avanti nelle nostre relazioni attuali con i nostri pari.

Il prossimo Ciclo di quattro Lezioni, Ciclicità XIII – previste verso Settembre/Ottobre 2018: Famiglia.

Queste Lezioni di circa 2 ore ciascuna sono offerte da Cleargreen Inc. in collaborazione con i Facilitatori e dai Facilitatori in formazione di Tensegrity® nei Gruppi di Pratica di tutto il mondo.

NOTA IMPORTANTE: alcuni “Passi Magici” comportano dei movimenti che coinvolgono tutto il corpo. Segnalare prima della pratica se ci sono impedimenti, disfunzioni o parti del corpo dolorose e soggette a qualsiasi forma di terapia.

Info  Kilian Erthran

 

INTRODUZIONE ALLA TENSEGRITA’

 

***

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 71 follower

***

 


Tieni Stretti i Tuoi Sogni

Un’intervista con Renata Murez e Nyei Murez
Con i praticanti e gli entusiasti di Tensegrity® di New York e dintorni

 

In occasione dei Seminari di Tensegrity® e Theater of Infinity® (Teatro dell’Infinito) a New York City e a Denia -in Spagna, dal titolo Una chiamata a risvegliare l’azione, ciò che segue sono le risposte di Nyei Murez e Reni Murez alle domande poste dai praticanti e dagli appassionati di Tensegrity® di New York City e dintorni.

Ogni settimana, una nuova risposta, presa tra le molte domande, sarà pubblicata qui: un ringraziamento speciale a Nat Carlson, Eliana Carlson e Eugenia Kulikova per aver raccolto le domande e aver dato inizio alla conversazione su questo argomento molto interessante che analizzeremo a New York a settembre e a Denia, in Spagna a novembre: i ruoli che giochiamo nella vita, e le categorie comiche che don Juan assegnò alla loro versione ombra e come possiamo cambiare il nostro approccio a tali ruoli a percorrere il cammino dei nostri sogni.

1)  Ho un sogno che riguarda qualcosa che vorrei davvero realizzare nella mia vita: quando sono in uno stato nel quale riesco ad agire e a sostenere questo sogno, posso sentire che nel mio mondo tutto funziona bene. Però passo anche lunghi periodi di tempo senza fare nulla per sostenere questo mio sogno e mi sento perso/a e travolto/a dal mondo della vita quotidiana. Cosa posso fare per consevare questo stato in cui riesco a sostenere il mio sogno, per non restare bloccato/a e non sentirmi soprafatto/a?

Reni: Manifestare un sogno è un’interazione che avviene a vari livelli all’interno di noi stessi…

A livello del nostro nucleo energetico essenziale forse sappiamo quello che ci piacerebbe sognare o creare, lo portiamo profondamente dentro di noi come un anelo, fino a quando non iniziamo a manifestarlo a livello fisico nella nostra vita quotidiana.

A livello della nostra esperienza fisica della vita quotidiana, forse possiamo vedere, assaporare, toccare, ascoltare o annusare, qualcosa che c’ispira e ci stimola ad agire perchè tocca la nostra essenza interna.

Indipendentemente da ognuno di questi approcci, manifestare un sogno implica la manifestazione di una scintilla dello spirito e a volte dei passi pratici per manifestarlo – un piano, un piano B, una strategia finanziaria, dei partecipanti che lo appoggiano e la capacità di tenersi ‘fermo’ o concentrato/a nel nostro sogno, malgrado l’apparire di contrattempi e di contrattempi apparenti, ed interruzioni nel nostro percorso per realizzarlo.

E quando ci troviamo nel mezzo di queste interruzioni nella realizzazione dei nostri sogni – quando la nostra famiglia ha bisogno di un medico, quando abbiamo subito delle perdite economiche, quando un’altra persona ha bisgono della nostra attenzione, va benissimo ‘parcheggiare’ il nostro sogno per un periodo di tempo, affidandolo nelle braccia sicure ed affidabili del nostro spirito (in realtà è da lì che viene il nostro sogno) mentre le nostre facoltà ed attenzione sono concentrate da qualche altra parte.

E quando ci stiamo preparando di nuovo per vivere il nostro sogno, possiamo sempre reimmergerci nella nostra essenza e ritrovare, sentire un’altra volta quel sentimento misterioso di star portando, come su un tappeto volante, una corrente energetica che passa attraverso noi stessi e il nostro progetto, trasformando al confronto questi piccoli contrattempi in piccoli ostacoli.

I nostri sogni sono la nostra magia – saranno sempre con noi, alla nostra portata. Non dobbiamo giudicare il nostro successo o progresso con loro come se fosse una competizione di carriera. Così come la magia, i nostri sogni hanno una loro vita ed un loro programma. Se riusciamo a sincronizzarci con il nostro sogno, invece di volere che il sogno si sincronizzi con noi, forse avremmo più opportunità di realizzarlo.

Il poeta ed attivista sociale americano Langston Hughes, esprime questo stesso sentimento nella sua poesia:

Sogni:

Afferrati forte ai sogni
Perchè se i sogni muoiono
La vita è un uccello con le ali rotte
Che non può volare.

Afferrati forte ai sogni.
Perchè quando i sogni se ne vanno
La vita è terra arida
Gelata di neve.

Nyei: Si! Come ha detto Reni, non giudichiamo noi stessi! A livello pratico, psicologico, questo tipo di giudizio danneggia il nostro sistema nervoso, ed un’altra risposta può essere la ‘paralisi’ – quando uno riesce appena a muoversi, con una respirazione superficiale, vincolato in un circolo di dialogo interno ripetitivo – e pertanto incapace di sognare.

La lotta e la fuga da un predatore o da una minaccia attivano il sistema nervoso che risponde con un aumento del flusso di adrenalina, stimola il battito cardiaco, il movimento muscolare e apre i bronchi. Nel restare paralizzato o ‘fingersi morto’, come risposta ad un predatore o ad un pericolo, si attiva il sistema nervoso parasimpatico, che normalmente è responsabile della digestione, del riposo, dell’espulsione ed altre funzioni restauratrici e liberatorie. Con la ‘paralisi’ la risposta parasimpatica rallenta la respirazione e il movimento dei muscoli, portando il sistema nervoso ad uno stato conosciuto come ‘immobilità tonica’, si tratta di una risposta che salva la vita davanti ad un minaccia reale. Una volta che il predatore si è ritirato l’animale si scuote spontaneamente e il suo sistema nervoso torna all’omeostasi.

Noi, indubbiamente, come esseri umani, a volte restiamo bloccati alla maniera della paralisi, reiterando ripetitivamente nella nostra mente il nostro scenario di paura, anche quando il pericolo reale non è più presente – o semplicemente quando è in pericolo la nostra immagine e non realmente la nostra persona.

Se riesci a respirare più profondamente, alzarti, scuoterti e praticare alcuni movimenti di Tensegrity® affinchè il tuo sangue, linfa ed energia circolino nuovamente – anche i tuoi pensieri e le tue esperienze si rinnoveranno.

Da lì puoi guardare di nuovo a quello che vuoi davvero sognare, e così come ha detto Reni, pianificarlo in accordo con esso. Puoi appuntarti per quale motivo ti sei sentito sopraffatto, determinare cos’è essenziale per te, cosa non è essenziale e di che aiuto hai bisogno.

In questo modo il caos non resta troppo a lungo dentro di te sopraffacendo il tuo sistema nervoso – e potrai sognare – per immaginare e vivere nuove possibilità.

Il nostro sistema nervoso è progettato per sognare. E’ così che sono sopravvissuti i nostri antenati – ed è così che siamo sopravvissuti noi – abbiamo qualcosa da sognare, qualcosa per cui vivere. Per tanto è vitale, come dice il poeta Langston Hughes, afferrarsi forte, con cura e amore, ai nostri sogni.

 

2)  E’ difficile realizzare un sogno quando tutto nella vita sembra remare contro di esso. Cosa posso fare per mantenerlo vivo e continuare a lottare per conseguirlo?

Reni: E’ interessante osservare che nell’arco della storia umana si è ottenuto molto di più attraverso la lotta ed affrontando delle sfide che quando i nostri antenati erano in vancanza!

Il sentimento che tutto sta remando “contro il nostro sogno” può essere una benedizione ed un segno, allora dovremmo porci delle domande riguardo al nostro stesso sogno, se questo è il momento giusto, se abbiamo la disponibilità per realizzarlo e a quale livello di manifestazione si trova.

Per esempio, potremmo trovare un momento tranquillo, raggiungere uno stato di silenzio e chiedere alla nostra essenza: Como sto interpretando questo sogno? E’ il momento giusto per iniziare a lavorare cercando di avvicinare il mio sogno? Come posso prepararmi meglio per il mio sogno? Potrebbe il mio sogno essere realizzato attraverso altri mezzi diversi da quelli che sto usando adesso, e dovrei forse coinvolgere altre persone?

E con queste risposte potremmo spostarci verso un terreno più pratico per il nostro sogno, mantenendo una connessione costante con la nostra essenza. Il punto cruciale è la messa in pratica reale dei nostri sogni – altrimenti possiamo perderci tra gli alti e bassi di una cosa o dell’altra.

Nyei: Sí! Ogni sogno ed ogni sfaccettatura di un sogno ha il suo momento e la sua stagione. Quando ti senti bloccato, deluso o frustrato, è utile guardare le tue aspettative. Ti aspetti una grande lotta? O al contrario, ti aspetti che le cose vanno sempre a modo tuo, o che i tuoi sogni ‘accadono’ e basta, senza neanche un intento chiaro o un impegno da parte tua?

Come abbiamo esplorato nel nostro Seminario a New York ed esploreremo a Denia, in Spagna, abbiamo diversi stili di aspettative a questo proposito. Per esempio, potremmo sperare un elogio immediato che ci viene in aiuto, o che gli altri siano daccordo con le nostre idee, o in un aiuto pratico immediato dagli altri, che metta in evidenza che il nostro sogno sta progredendo. E se non otteniamo questo potremmo generalizzare dicendo che ‘non succede niente’ riguardo al nostro sogno… o che stiamo ‘lottando’.

Se stai guardando un fil muto o stai vedendo crescere un fagiolo, a meno che tu non abbia un filtro percettivo, non diresti che quello sforzo appassionato sia negativo, non pensi che la pianta – nella misura in cui nasce e sbuca dalla terra – sia ostruita.

Non possiamo dire che la ‘lotta’ non è ‘facile’ e viceversa. Così potremmo apprezzarle entrambe, senza restare intrappolati in nessuna.

In molte culture troviamo la convinzione che tutto dovrebbe essere dolce e piacevole in ogni momento. Ma crescere significa entrare nello sconosciuto – e per tanto, si tratta di una sensazione non familiare!!!

Accettare queste sensazioni ci aiuta ad accrescere il nostro potere, implica permettere il dispiegarsi di tutti i sentimenti implicati, mantenendo il nostro cuore concentrato su quello che vogliamo.

In molte altre culture, al contrario, credono che la lotta è ciò che dà valore alla nostra esperienza, Carlos Castaneda racconta la storia dei suoi sforzi – il suo lungo viaggio, pieno di enormi rischi, incertezze e colpi di scena che aveva incontrato sul suo cammino quando era andato a cercare il luogo dove viveva don Juan. Finalmente lo raggiunse e scrisse: “Don Juan non era affatto sorpreso di vedermi. Volevo raccontargli di quanto fosse stato difficile per me raggiungerlo. Mi sarebbe piaciuto che lui mi esprimesse le sue felicitazioni per gli sforzi titanici che avevo fatto, ma egli si burlò di me ridendo e disse: ‘I tuoi sforzi non sono importanti, l’importante è che hai trovato il mio posto’.” (da: Il Lato Attivo dell’Infinito)

 

3)  Per cercare di realizzare il mio sogno spesso faccio cose che non hanno nessuna relazione con il sogno, per esempio, lavorare a qualcosa che non mi piace perchè devo pagare l’affitto o il mangiare. Come posso evitare di arenarmi continuando a fare cose che sono tutto il contrario del mio sogno?

Reni: Sostenere noi stessi ed imparare l’auto-responsabilità è la prima lezione per la manifestazioni dei nostri sogni.

Se non riusciamo a prenderci cura e ad alimentare noi stessi nella nostra vita quotidiana, non saremo in grado di realizzare e prenderci cura neanche dei nostri sogni.

Una cosa è sognare ed avere un sogno, un’altra cosa è portarlo in vita.

Ricevere lezioni su come realizzare con pienezza il nostro sogno può aiutarci a vivere il nostro sogno con più pienezza in un secondo momento.

Noi non odiamo le lezioni… Guardiamo alle lezioni come ad una “preparazione” e manteniamo così una mente aperta e gentile, sempre in allerta, osservando un’apertura verso la più piena realizzazione: un annuncio sul giornale, un invito ad un seminario di un amico, una conferenza sulla stessa idea che vogliamo sognare.

Nyei: Sí!! Puoi imparare molto! Io aggiungerei: Se senti un blocco nella tua esperienza – puoi vedere se c’è un blocco nella maniera con cui stai guardando alle cose – Stai mettendo la tua attenzione sulla noia, sul disagio, la ripetitività, sul non essere visto o sentito, etc.? Allora queste cose avrai, sempre di più! Invece di sentire solo fastidio, potresti vedere cosa succede se sposti la tua attenzione su quello che apprezzi del tuo lavoro, del tuo appartamento e della tua alimentazione. Che benedizione e che miracolo sono!

E vedi se puoi essere più specifico circa i tuoi sogni. La nostra tendenza è essere molto specifici rispetto a quello che non vogliamo, ma senza dubbio poco chiari rispetto a quello che realmente vogliamo. Poni la tua attenzione concreta al tuo sogno, identifica alcuni passi che puoi fare verso di esso, e come dice Reni, mettiti nel punto di vista delle opportunità per farlo crescere.

Renditi anche conto a quale tipo di attività offri resistenza. Hai difficoltà a fare un lavoro di squadra, a pianificare un programma, a riempire dei moduli, o a fare i conti? A servire o aiutare gli altri in qualche modo? Non riesci a prenderti delle responsabilità? I miei maestri mi chiedevano: “Chi arriva solo per la festa, senza aver fatto nulla per organizzarla, nemmeno le pulizie?” Le resistenze prendono molta della nostra energia vitale, energia che ci serve per sognare. Se hai delle resistenze verso qualcosa è proprio quello che devi fare di più! In ogni caso, cambiare ed accettarlo potrebbe essere esattamente quello che ti serve affinchè il tuo sogno inizi a fluire.

Questo ci porta a uno di questi “tipi” o categorie che don Juan identificò comicamente con il “sotuttoio”. Questa è la parte di noi stessi che crede di sapere tutto quello che c’è da sapere sulla nostra situazione, sulle nostre possibilità, su quello che dovremmo o non dovremmo fare. Per i veggenti del lignaggio di don Juan questa è una posizione totalmente impossibile. Essi parlano del conosciuto, lo sconosciuto e l’inconoscibile. Essi credono che se vogliamo vivere con tutte le nostre possibilità, dobbiamo avvalorare ciò che sappiano, impegnarci a ridistribuire le nostre risorse energetiche per poter entrare ed esplorare lo sconosciuto – e riconoscere che oltre questo punto c’è l’inconoscibile, la vasta porzione di infinito che è inaccessibile alla nostra consapevolezza umana.

Se teniamo conto di questo ci rendiamo conto che non potremo mai capire tutto, neanche perchè stiamo facendo un certo lavoro in un determinato momento. Magari ci sono aspetti di questo lavoro che possiamo comprendere, o scoprire, solo più tardi. Potremmo scoprire che eravamo lì per imparare una speciale abilità – una di queste abilità verso cui forse stavamo resistendo – e che si è poi rivelata di incalcolabile valore per realizzare il nostro sogno. O potremmo scoprire che eravamo lì per avere molto chiaro quello che non vogliamo fare, per poterci meglio focalizzare in ciò che invece vogliamo fare. Potremmo essere stati lì per imparare ad apprezzare gli altri che fanno questo lavoro.

 

4)  Ho scoperto che quando voglio qualcosa lo intento, lo intento, lo intento. Posso continuare a farlo per un lungo periodo. Quando poi finalmente lo lascio andare… pum! Accade quello che avevo intentato! Esiste un medoto formale che possa essere applicato a questo processo? Questo fa parte della mestria dell’intento?

Reni: Il potere del nostro intento funziona quando manifestiamo i nostri sogni…

Per esempio io posso mettere tutto il mio intento, intento, intento, per avere una fidanzata… e consapevolmente o inconsapevolmente il mio intento per una fidanzata occupa tanta della mia ‘attenzione’ giornaliera che, sapendolo o no, cerco una fidanzata da tutte le parti finchè ne trovo una. La qualità di questa fidanzata, senza dubbio, è una misura della qualità del mio intento… Ho messo il mio intento di avere una fidanzata, o di avere una fidanzata con cui posso condividere un intento nella mia carriera professionale, dei figli, una relazione a breve o lungo termine, etc.?

Non esistono scorciatoie nella manifestazione dei nostri sogni… Possiamo intentare dalla nostra essenza quello che vogliamo, però tanti più passi pratici facciamo mentre lo stiamo intentando migliore sarà il risultato…

Nyei: Se pianti un seme mica poi lo scavi per vedere se gli sono già spuntate le radici.

La mente io-io diventa ansiosa: Succede qualcosa alla pianta? Meglio se lo vado a vedere.

Meglio sarebbe per la pianta dargli l’acqua e la luce di cui ha bisogno – e poi lasciar andare, curare il terreno e lasciar crescere la pianta. Lo stesso vale per i sogni.

Puoi diventare più consapevole e lasciare da parte alcune aspettative che potresti aver appreso dalla tua cultura o dalla tua famiglia, come: “Questa pianta, o questo sogno, dovrebbe stare meglio adesso”, oppure: “dovrebbe essere fatta”, oppure: “Non sta davvero funzionando!”

Come lo sai che non sta funzionando? E’ un fatto energetico derivato dalla percezione dell’energia così come fluisce nell’universo?

E’ probabile che il tuo sogno abbia spazio per crescere perchè ti sei fatto da parte, lasciando al tuo sogno e a te stesso un momento per riposare, un’ibernazione, riflettendo, setacciando e rivedendo, invece di seguire la pressione culturale di continuare sempre “fenza fermarsi”. Questa è una parte vitale del prendersi cura di se stessi e dei propri sogni!!

 

5)  Tra i tre tipi, passo la maggior parte della mia vita come “l’aiutante” (piscio) o “l’esploratore” (vomito). Però sembrerebbe che per portare avanti il mio sogno devo interpretare occasionalmente anche il ruolo della “persona che da sempre consigli” (peto). Questo non lo vivo sempre come qualcosa di naturale, comodo o produttivo; a volte lo vivo come se fossi un altro. Come posso più facilmente assimilare un’altra identità quando la situazione lo richiede? Come posso navigare, assumendo questo ruolo senza giudicare me stesso/a?

Reni: Vogliamo ricordare che questi ‘tipi’ hanno un lato oscuro ed uno luminoso e che riusciamo a realizzare più facilmente il nostro sogno, se ci manteniamo o ci sforziamo di vivere il lato luminoso, perchè in questo modo stiamo lavorando direttamente dalla nostra scintilla e dalla connessione con lo spirito.

Per esempio, se ci troviamo nel lato oscuro del o della ‘aiutante’ (piscio) – la persona che non ama abbastanza se stessa e cerca per questo amore dalle altre persone in cambio dei suoi sforzi – come possiamo mai scoprire qual’è il nostro proprio sogno se siamo consumati dall’impegno di realizzare i sogni degli altri?

Se ci troviamo nel lato oscuro della ‘persona che da sempre consigli’ (peto) – la persona che non ha fiducia nella sua propria intelligenza e deve confermare per questo la sua capacità con le altre persone, dandogli ordini ad alta voce – come possiamo mai vedere appieno l’immagine del nostro sogno oltre a quello che vediamo adesso?

E se ci troviamo nel lato oscuro dell’ ‘esploratore/esploratrice’ (vomito) – la persona che dubita della sua capacità di agire e per questo si confà a diventare un ‘sognatore’ indifferente – come possiamo mai andare otre l’idea del nostro sogno?

Diventando consapevoli di queste ‘identità’ o insicurezze all’interno di noi stessi/e, e connettendoci alla nostra vera essenza per trovare nuovi modi di essere più ampi, possiamo essere spinti velocemente nel lato luminoso di ognuno di questi tipi.

Per esempio, il precedente ‘aiutante’, adesso ispirato ad amare se stesso, può imparare a dire no ai sogni degli altri e a dire di si soltanto ai suoi propri sogni. O la precedente ‘persona che da sempre consigli’, adesso accettando la sua stessa intelligenza, può imparare a dire ‘lo so’ quando lo sa, e ‘non lo so’ quando non lo sa; ed in questo modo navigare in avanti verso il suo sogno che non è ancora catalogato. Ed il precedente ‘esploratore/esploratrice’, adesso con il coraggio e il desiderio di agire può imparare a chiedere aiuto agli altri per iniziare a vivere il suo sogno.

Una volta che avviene la trasformazione dal lato oscuro al lato luminoso di queste ‘identità’ sarà possibile anche l’interazione tra queste ‘identità’. Adesso, nello stato di auto-realizzazione e umiltà – che viene dall’identificazione del nostro tipo (modello) – il nostro evoluto ‘aiutante’ o ‘esploratore’ può graziosamente avvicinarsi al nostro evoluto ‘che sempre da consigli’. Poiché essendo noi connessi con la nostra essenza e conoscendo il nostro sogno possiamo chiedere aiuto agli altri e spiegare loro la nostra visione completa, pienamente preparati a ricevere le loro idee e i loro commenti.

Nyei: Sono daccordo. E questo esprime cos’è veramente la leadership. Leadership non significa il cambiamento da uno di questi ruoli oscuri all’altro – come, per esempio, dare o ricevere ordini. Perchè se guardiamo più attentamente ad ognuno questi ruoli, possiamo vedere che sono tutti dei modi diversi di provare a controllare e a manipolare delle situazioni: nascondendosi dietro un’altra persona, provando a dominare in maniera compulsiva, o rifugiandosi nei sogni senza agire per potersi ralizzare.

Leadership significa piuttosto, per qualsiasi ruolo ci piaccia rappresentare, rappresentarlo dalla nostra essenza. Accumula la tua energia e il tuo coraggio, togliti la maschera di ombra e apriti a nuovi modi di essere, con più collaborazione ed integrità – come dice Reni – avendo fiducia in un attore più grande che ti guida: l’Infinito.

 

6)  Vedo la gente (me stesso incluso) cambiare ruolo a seconda della situazione, per esempio, io potrei dire che quando lavoro sono più ‘sottomesso’, invece in casa tendo ad essere un ‘leader’. Ci sono tanti motivi per questo, credo che il principale sia la paura di perdere la mia posizione sicura al lavoro, che a volte si interpone nel cammino dei miei sogni e dei miei obbiettivi.

Reni: Di nuovo, nella nostra risposta è sottinteso che si raggiunga il nostro spirito, o lato leggero/luminoso di questo ruolo, piuttosto che restare nella vibrazione più bassa.

Si, vuoi essere un buon impiegato nel lavoro, ma questo significa che smetti di pensare da solo ed adotti il ruolo dell’ ‘aiutante’ e dici solo di ‘si’ a qualsiasi compito arrivi sulla tua strada, rimpiangendo per tutto il tempo: “Oh, non sto vivendo il mio sogno, e non lo farò mai”?

Se invece adotti lo stato d’animo della tua essenza ed inizi a prenderti le tue responsabilità nel posto in cui ti trovi – qui ed ora – nella tua impresa, in questo lavoro che ti sta dando la capacità di lottare ed anche la possibilità di avere un altro sogno, allora puoi alzare la testa al di sopra della sottomissione e guardarti intorno per vedere quali aspetti del tuo lavoro attuale possono aiutarti verso il tuo sogno personale.

Per esempio, sapere come funziona il tuo dipartimento e la tua impresa, qual’è il tuo prodotto, come si promuove, cosa determina che un mese sia andato male o bene, potrebbe servirti più tardi quando avvierai i tuoi affari. O sapere che tipo di contratti hanno i tuoi colleghi, come si determina il loro salario, quali uscite gli vengono concesse e quali no, potrebbe aiutarti quando avrai dei soci nei tuoi affari.

Come accennato prima in queste risposte, non restare nel negativo riguardo ai tuoi sogni. Mettiti nel lato positivo e leggero del tuo sogno e considera ognuno dei successi della tua vita come un passo verso il suo raggiungimento.

E facendo più domande ai tuoi attuali supervisori sulla loro impresa – non credi che ti considererebbero come un ‘leader’ e non come un semplice impiegato se tu stessi nel lato luminoso del ‘consigliere’, colui che ha un ampiezza di vedute tale da vedere anche la prospettiva, invece di lamentarti delle inezie e fare proposte a nome di tutti?

Nyei: Sono daccordo. E’ chiaro che non impareremo mai niente o non faremo mai niente se tutti fossimo felici solo essendo il leader designato, o al contrario, se nessuno avesse voglia di essere un leader.

Per questo aiuta sapere dov’è la tua attenzione. L’arte di sognare è l’arte dell’attenzione. Stai sognando le tue attuali circostanze come un ‘sacrificio’ o come un’opportunità di apprendere e crescere? Ti stai lamentando o apprezzi ciò che hai? L’apprezzamento ti connette al tuo corpo di sogno e ai tuoi sogni. E’ come annaffiare una pianta. Tu ti lamenti con la pianta o gli sorridi e canti per lei?

Allo stesso modo della pianta, il tuo lavoro e la tua vita cresceranno a seconda del modo in cui la coltivi!!

7)  Sembra che le donne, in generale, apprendiamo dalla nostra educazione a negare il nostro vero essere e a diventare più il tipo aiutante/compiacente (piscio). Come possiamo andare oltre questo tipo di educazione e trovae la nostra vera voce?

Reni: Per iniziare a trovare la tua vera voce devi praticare il ‘parlare forte’, e per fare questo, devi essere capace di pensare ed agire da sola!

Il tipo di donna compiacente e ‘che fa del bene’ normalmente nella sua maturità si trova ancora sotto qualcun’altro, ed anche se davvero odia la sua situazione e se ne lamenta, non fa nulla davanti ai suoi superiori, perchè è convinta che la copa non è sua ma ‘loro’.

Quello di cui la donna ‘aiutante’ ha bisogno di sapere è che è essa stessa che insegna a tutti quelli che gli stanno intorno come trattarla, e secondo lei, se qualcuno la sta trattando da subordinata è perchè lei non sta facendo nulla per cambiarli.

La donna ‘aiutante’ invece di infuriarsi e provare rabbia – cosa che fa spesso per il suo senso di impotenza, agendo, sfidando e sabotando alle spalle degli altri, perchè non è capace di dire in faccia direttamente quello che vuole – deve raggiungere la sua essenza, trovare un sogno proprio, non importa se piccolo, ed iniziare a fare dei passi verso questo sogno.

Il buono del tipo ‘aiutante’ è che agisce, e se lo fa da un luogo di consapevolezza accresciuta, può spostare e focalizzare la sua azione, o ‘aiutare’ il suo stesso sogno.

Questi piccoli passi raggiunti – queste lezioni che prende di notte, queste interviste con altri architetti paesaggisti che stanno facendo ora quello che tu vuoi fare, queste riunioni con web master o artisti – si costruiscono e si accumulano (e lo stesso vale per il silenzio) tanto più fai pratica, tanto più diventa normale e non solo un’idea, tanto più anche la tua autostima fiorirà.

E mentre starai intrattenendo le tue relazioni in casa o al lavoro, verrà il momento in cui non farai più ‘marcia indietro’, ma ti troverai a discutere delle tue idee, perchè le tue nuove esperienze di vita, condotte dalla tua essenza, ti daranno qualcosa da condividere.

E per favore donne, non fatevi confondere da certa propaganda di genere. Anche gli uomini hanno questa sindrome di ‘aiutanti’ – perchè anch’essi hanno avuto un grande carico dai loro genitori – e nella misura in cui fanno dei passi verso l’espressione delle loro emozioni, anch’essi dovranno lavorare per tirarsi fuori dal lato oscuro di questo ‘tipo’, per trovare la loro vera voce, come voi.

Nyei: Sì. Non puoi sostenere o educare bene gli altri se non hai la volontà di sostenere ed educare te stesso.

Sicuramente alcuni di noi sono stati socilizzati ad essere compiacenti, l’aiutante o la musa silenziosa che assiste ed ispira gli altri non chiedendo nulla in cambio, non ha voce per esprimere se stesso – coloro che aiutano gli altri trovano molte risorse per farlo e di certo se ne privano per se stessi. Può darsi che lo facciamo soltanto per convenzionalismo o per il desiderio di piacere (vale a dire per essere ricompensati, avvalorati o protetti in qualche modo da qualcuno che percepiscono in una posizione di potere).

Possiamo facilmente indovinare che questo tipo di ‘aiuto’ spesso non viene apprezzato! E sai perchè? Perchè non aiuta realmente! Sta solo impedendo la crescita dell’altra persona, la sua capacità di sviluppare ed avere fiducia nelle sue proprie risorse. L’ ‘aiutante’ insoddisfatto può anche riempire tutto l’ambiente intorno a lui di uno stato d’animo fastidiato, lamentoso e bisognoso. Ricordate il film ‘Come l’acqua per il cioccolato’ dove l’eroina metteva tutti i suoi sentimenti ed intenzioni nelle pietanze che cucinava? Per fortuna i suoi sentimenti erano vivaci e sostenitori! Qualsiasi cosa facciamo stiamo cucinando i nostri sentimenti, per così dire. Per tanto vogliamo essere consapevoli di questi sentimenti quando li diamo!!

Detto questo, non possiamo fare molto nella vita senza aiuto, certamente non possiamo apprendere molto o essere una parte valida di una squadra, comunità o relazione, se non impariamo come dare aiuto. Un padre o una madre, un professore, una coppia o un leader, o un veggente efficace è anche un aiutante, qualcuno che sostiene!!

8)  Mentre crescevo mi dicevano che non avevo carattere, né personalità. Una parte di me è molto attenta e ‘sottomessa’ e tiene tutti in considerazione. Come posso integrare il fatto di essere così senza dimenticarmi di me stessa ed accettarlo così com’è? Voglio dire che, anche se alcune persone considerano la gente che aiuta e si preoccupa come deboli, per me è il contrario, ci vuole molto forza per agire in maniera amorevole ed aiutare.

Reni: Si, sono daccordo, ci vuole molta forza per agire in maniera amorevole ed aiutare se sei davvero consapevole del tuo sogno ed agisci in suo nome, dando il tuo aiuto perchè davvero hai qualcosa da dare, senza desiderare nulla in cambio.

Questo è l’ideale… che normalmente si pone fuori dalla norma!

Assicurati di questo quando dai, ed anche del fatto che dare non sia l’unico attributo che ti definisce. Che ci sia anche altro oltre che ‘aiutare’ gli altri, altro che ti aiuta ad esprimere te stessa attraveso i tuoi sforzi artistici, l’insegnamento di una lingua in una scuola elementare, avere e sperimentare i tuoi propri interessi.

Ognuno di noi è nel suo proprio viaggio di consapevolezza in questa vita… e la cosa migliore è ‘aiutare’ gli altri mantenendo di vista il nostro proprio viaggio!

Nyei: Si. L’amore è la forma più alta di intelligenza, diceva Carol Tiggs. La sfida che vale la pena è quella di apprendere come essere una persona che sostiene intelligentemente e amorosamente, il cui sostegno aiuti realmente a migliorare! E permettere che questo amore ti ispiri per la tua crescita! Qualunque padre o madre, per esempio, ti può dire che l’amore ti da il potere di fare cose che non avresti mai pensato di poter fare!

 

9)  I nostri tipi di personalità cambiano nel mondo del sogno da addormentati? Ho avuto poche esperienze di sognare da addormentati, ed ho la curiosità di sapere se questo è perchè il mio tipo di personalità limita il mio campo o si interpone in questo cammino.

Reni y Nyei: Si. I lati oscuri e luminosi dei nostri tipi di personalità entrano nello spazio dei nostri sogni da addormentati.

Carlos Castaneda parla di due livelli di sogno – il primo livello è molto connesso con il nostro mondo della vita quotidiana, con gli esseri che amiamo e con i colleghi di lavoro, queste persone che conosciamo appaiono nei nostri sogni quando dormiamo e noi interagiamo con essi in sogno. Difatti molta gente va a dormire e quando si sveglia scopre di aver risolto alcune delle sue sfide e situazioni quotidiane mentre sognava dormendo. Indipendentemente dal fatto che la maggior parte dei nostri sogni siano o no di questo primo livello, essi comunque coinvolgono la nostra essenza, o se vogliamo dirlo con i veggenti, coinvolgono il nostro corpo di sogno; ed in quanto tali agiscono come una catapulta per il secondo livello dei nostri sogni da addormentati – sogni dove visitiamo nuovi paesaggi, interagiamo con nuovi esseri, esistendo momentaneamente nel luogo dello sconosciuto, del non familiare.

E dato che la nostra vita quotidiana è così ben connessa con il nostro primo livello del sogno, se siamo coloro che ‘fanno del bene’, ‘consiglieri’ o ‘esploratori’ nella nostra vita di giorno, è molto probabile che agiamo allo stesso modo nei nostri sogni di notte.

Lo stesso è certamente vero per il lato luminoso dei nostri tipi – se di giorno riusciamo a trasformare o a trascendere il nostro tipo verso il suo lato energetico, allora forse riusciremo a fare lo stesso anche nei nostri sogni da addormentati! Possiamo essere veggenti e iniziatori aiutandoci a creare delle nuove possibilità in questi sogni, sia nel regno del familiare che in quello dello sconosciuto!!

Cosi se uno dei nostri scopi in questa vita è sognare come fanno i veggenti, o semplicemente sognare come facciamo noi, è necessario trascorrere del tempo a studiare i nostri tipi, perchè questo può avere molteplici effetti ed arrivare molto più lontano di quello che immaginiamo.

Tratto da sito Cleargreen


Traduzione italiana di Zoì Kainosis

2014

 

***

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 71 follower