Tensegrità Bologna

I Passi Magici di Carlos Castaneda


Classe 4 – Ciclicità Quinta Serie

Gratitudine

Bologna , Via del Pallone 8

Sabato 22 giugno 17,00 – 19,00

Facilitatore Kilian Erthran

CYCLICITY-5-gratitude-250x250

 Classi di Tensegrità ® Cleargreen
LOCANDINA

La Classe si svolge in collaborazione con Cleargreen, e nei gruppi di pratica locali nel mondo. Costo di ogni Classe  € 20.00 (quota Cleargreen e palestra), sconti su iscrizioni anticipate a più classi, indispensabili penna e quaderno,  scarpe da ginnastica e abiti comodi. Info kilian.erthran@gmail.com.

* * *

…L’unico modo che il guerriero-viaggiatore ha di ringraziare… è con questo atto magico: di accogliere nel suo silenzio tutto ciò che ama – Don Juan Matus, a  Carlos Castaneda, Il Lato Attivo dell’Infinito

Nel corso della nostra vita arrivano così tanti doni dalla vita stessa, dagli altri, da noi stessi, e per riconoscerli e contarli tutti ci vorrebbe la vita che abbiamo già vissuto. Quei momenti infinitesimali in cui ci fermiamo a sentire la pioggia sul viso, o a riconoscere l’insegnante che ha aperto le porte per noi, o la perdita che ci ha aperti ad una maggiore compassione e presenza nel qui e ora. Questi sono tra i doni della vita, l’abbondanza che riceviamo ogni giorno, e se la classifichiamo in momenti ”buoni” o “cattivi”, ruba la bellezza del viaggio della vita e la capacità di sentire e accettare il flusso e riflusso delle circostanze e del tempo. Un guerriero-viaggiatore fa di questo il suo compito sublime: essere grato per tutta l’esperienza della vita – e così facendo si avvicina al viaggio della vita con uno stato d’animo di timore reverenziale. In questa lezione, guidati dai facilitatori di Tensegrità in formazione, praticheremo i passi magici – concentrando movimenti e respirazioni -ed esercizi di consapevolezza per aiutare ognuno di noi a sviluppare la pratica della gratitudine, che include la capacità sia di dare che di ricevere ringraziamenti,  in modo che possiamo vedere i sentieri che, sia noi che altri, abbiamo percorso e il mondo, sempre di più, con gli occhi del nostro veggente interiore.


Classe 3 – Ciclicità Quinta Serie

Gratitudine

Bologna , Via del Pallone 8

Sabato 15 giugno 17,00 – 19,00

Facilitatore Kilian Erthran

CYCLICITY-5-gratitude-250x250

 Classi di Tensegrità ® Cleargreen
LOCANDINA

La Classe si svolge in collaborazione con Cleargreen, e nei gruppi di pratica locali nel mondo. Costo di ogni Classe  € 20.00 (quota Cleargreen e palestra), sconti su iscrizioni anticipate a più classi, indispensabili penna e quaderno,  scarpe da ginnastica e abiti comodi. Info kilian.erthran@gmail.com.

* * *

…L’unico modo che il guerriero-viaggiatore ha di ringraziare… è con questo atto magico: di accogliere nel suo silenzio tutto ciò che ama – Don Juan Matus, a  Carlos Castaneda, Il Lato Attivo dell’Infinito

Nel corso della nostra vita arrivano così tanti doni dalla vita stessa, dagli altri, da noi stessi, e per riconoscerli e contarli tutti ci vorrebbe la vita che abbiamo già vissuto. Quei momenti infinitesimali in cui ci fermiamo a sentire la pioggia sul viso, o a riconoscere l’insegnante che ha aperto le porte per noi, o la perdita che ci ha aperti ad una maggiore compassione e presenza nel qui e ora. Questi sono tra i doni della vita, l’abbondanza che riceviamo ogni giorno, e se la classifichiamo in momenti ”buoni” o “cattivi”, ruba la bellezza del viaggio della vita e la capacità di sentire e accettare il flusso e riflusso delle circostanze e del tempo. Un guerriero-viaggiatore fa di questo il suo compito sublime: essere grato per tutta l’esperienza della vita – e così facendo si avvicina al viaggio della vita con uno stato d’animo di timore reverenziale. In questa lezione, guidati dai facilitatori di Tensegrità in formazione, praticheremo i passi magici – concentrando movimenti e respirazioni -ed esercizi di consapevolezza per aiutare ognuno di noi a sviluppare la pratica della gratitudine, che include la capacità sia di dare che di ricevere ringraziamenti,  in modo che possiamo vedere i sentieri che, sia noi che altri, abbiamo percorso e il mondo, sempre di più, con gli occhi del nostro veggente interiore.


Classe 2 – Ciclicità Quinta Serie

Gratitudine

Bologna , Via del Pallone 8

Sabato 8 giugno 17,00 – 19,00

Facilitatore Kilian Erthran

CYCLICITY-5-gratitude-250x250

 Classi di Tensegrità ® Cleargreen
LOCANDINA

La Classe si svolge in collaborazione con Cleargreen, e nei gruppi di pratica locali nel mondo. Costo di ogni Classe  € 20.00 (quota Cleargreen e palestra), sconti su iscrizioni anticipate a più classi, indispensabili penna e quaderno,  scarpe da ginnastica e abiti comodi. Info kilian.erthran@gmail.com.

* * *

…L’unico modo che il guerriero-viaggiatore ha di ringraziare… è con questo atto magico: di accogliere nel suo silenzio tutto ciò che ama – Don Juan Matus, a  Carlos Castaneda, Il Lato Attivo dell’Infinito

Nel corso della nostra vita arrivano così tanti doni dalla vita stessa, dagli altri, da noi stessi, e per riconoscerli e contarli tutti ci vorrebbe la vita che abbiamo già vissuto. Quei momenti infinitesimali in cui ci fermiamo a sentire la pioggia sul viso, o a riconoscere l’insegnante che ha aperto le porte per noi, o la perdita che ci ha aperti ad una maggiore compassione e presenza nel qui e ora.

Questi sono tra i doni della vita, l’abbondanza che riceviamo ogni giorno, e se la classifichiamo in momenti ”buoni” o “cattivi”, ruba la bellezza del viaggio della vita e la capacità di sentire e accettare il flusso e riflusso delle circostanze e del tempo.

Un guerriero-viaggiatore fa di questo il suo compito sublime: essere grato per tutta l’esperienza della vita – e così facendo si avvicina al viaggio della vita con uno stato d’animo di timore reverenziale.

In questa lezione, guidati dai facilitatori di Tensegrità in formazione, praticheremo i passi magici – concentrando movimenti e respirazioni -ed esercizi di consapevolezza per aiutare ognuno di noi a sviluppare la pratica della gratitudine, che include la capacità sia di dare che di ricevere ringraziamenti,  in modo che possiamo vedere i sentieri che, sia noi che altri, abbiamo percorso e il mondo, sempre di più, con gli occhi del nostro veggente interiore.


Classe 1 – Ciclicità Quinta Serie

Gratitudine

Bologna , Via del Pallone 8

Sabato 1 giugno 17,00 – 19,00

Facilitatore Kilian Erthran

CYCLICITY-5-gratitude-250x250

 Classi di Tensegrità ® Cleargreen
LOCANDINA

La Classe si svolge in collaborazione con Cleargreen, e nei gruppi di pratica locali nel mondo. Costo di ogni Classe  € 20.00 (quota Cleargreen e palestra), sconti su iscrizioni anticipate a più classi, indispensabili penna e quaderno,  scarpe da ginnastica e abiti comodi. Info kilian.erthran@gmail.com.

* * *

…L’unico modo che il guerriero-viaggiatore ha di ringraziare… è con questo atto magico: accantonare nel suo silenzio tutto ciò che ama – Don Juan Matus, a  Carlos Castaneda, Il Lato Attivo dell’Infinito

Nel corso della nostra vita arrivano così tanti doni dalla vita stessa, dagli altri, da noi stessi, e per riconoscerli e contarli tutti ci vorrebbe la vita che abbiamo già vissuto. Quei momenti infinitesimali in cui ci fermiamo a sentire la pioggia sul viso, o a riconoscere l’insegnante che ha aperto le porte per noi, o la perdita che ci ha aperti ad una maggiore compassione e presenza nel qui e ora.

Questi sono tra i doni della vita, l’abbondanza che riceviamo ogni giorno, e se la classifichiamo in momenti ”buoni” o “cattivi”, ruba la bellezza del viaggio della vita e la capacità di sentire e accettare il flusso e riflusso delle circostanze e del tempo.

Un guerriero-viaggiatore fa di questo il suo compito sublime: essere grato per tutta l’esperienza della vita – e così facendo si avvicina al viaggio della vita con uno stato d’animo di timore reverenziale.

In questa lezione, guidati dai facilitatori di Tensegrità in formazione, praticheremo i passi magici – concentrando movimenti e respirazioni -ed esercizi di consapevolezza per aiutare ognuno di noi a sviluppare la pratica della gratitudine, che include la capacità sia di dare che di ricevere ringraziamenti,  in modo che possiamo vedere i sentieri che, sia noi che altri, abbiamo percorso e il mondo, sempre di più, con gli occhi del nostro veggente interiore.


2 commenti

Ciclicità Quinta Serie

CYCLICITY-5-gratitude-250x250
 Classi di Tensegrità ® Cleargreen

Le Classi sono di circa 2 ore ciascuna e si svolgeranno nei gruppi di pratica registrati di Tensegrità, guidati dai Facilitatori in addestramento in collaborazione con Cleargreen, nei gruppi di pratica locali, nel mondo. Costo di ogni Classe  € 20.00 (quota Cleargreen e palestra), sconti su iscrizioni anticipate a più classi, indispensabili penna e quaderno, scarpe da ginnastica e abiti comodi. Info kilian.erthran@gmail.com.

Ciclicità Serie Cinque:

Gratitudine

Bologna, Via del Pallone 8
Sabato 1 giugno 17,00 – 19,00
Sabato 8 giugno 17,00 – 19,00
Sabato 15 giugno 17,00 – 19,00
Sabato 22 giugno 17,00 – 19,00
Facilitatore  Kilian Erthran

LOCANDINA

… L’unico modo che il guerriero-viaggiatore ha di ringraziare… è con questo atto magico: accantonare nel suo silenzio tutto ciò che ama.

– Don Juan Matus, a  Carlos Castaneda, Il Lato Attivo dell’Infinito

Nel corso della nostra vita arrivano così tanti doni dalla vita stessa, dagli altri, da noi stessi, e per riconoscerli e contarli tutti ci vorrebbe la vita che abbiamo già vissuto. Quei momenti infinitesimali in cui ci fermiamo a sentire la pioggia sul viso, o a riconoscere l’insegnante che ha aperto le porte per noi, o la perdita che ci ha aperti ad una maggiore compassione e presenza nel qui e ora.

Questi sono tra i doni della vita, l’abbondanza che riceviamo ogni giorno, e se la classifichiamo in momenti ”buoni” o “cattivi”, ruba la bellezza del viaggio della vita e la capacità di sentire e accettare il flusso e riflusso delle circostanze e del tempo.

Un guerriero-viaggiatore fa di questo il suo compito sublime: essere grato per tutta l’esperienza della vita – e così facendo si avvicina al viaggio della vita con uno stato d’animo di timore reverenziale.

In questa lezione, guidati dai facilitatori di Tensegrità in formazione, praticheremo passi magici-concentrando movimenti e respirazioni-ed esercizi di consapevolezza per aiutare ognuno di noi a sviluppare la pratica della gratitudine — che include la capacità sia di dare che di ricevere ringraziamenti – in modo che possiamo vedere i sentieri che, sia noi che altri, abbiamo percorso e il mondo, sempre di più, con gli occhi del nostro veggente interiore.

* * *

 

 


Classe 4 – Ciclicità Quarta Serie

Silenzio

Bologna , Via del Pallone 8

Sabato 20 aprile 17,00 – 19,00

Facilitatore Kilian Erthran

Cyclicity4_Silence

 Classi di Tensegrità ® Cleargreen
LOCANDINA

La Classe si svolge in collaborazione con Cleargreen, e nei gruppi di pratica locali nel mondo. Costo di ogni Classe  € 20.00 (quota Cleargreen e palestra), sconti su iscrizioni anticipate a più classi, indispensabili penna e quaderno,  scarpe da ginnastica e abiti comodi. Info kilian.erthran@gmail.com.

 

Ogni volta che il dialogo interno si ferma, il mondo crolla, ed affiorano straordinari aspetti di noi stessi, come se fossero stati tenuti sotto stretta sorveglianza dalle nostre parole…                                   

Don Juan Matus, citato da Carlos Castaneda in L’Isola del Tonal

“I vecchi veggenti,” diceva don Juan, “lo chiamavano silenzio interiore perché è uno stato in cui la percezione non dipende dai sensi esterni. Ciò che è al lavoro durante il silenzio interiore è un’altra facoltà che l’uomo possiede, la facoltà che lo rende un’essere magico… “. Il silenzio interiore è la posizione da cui tutto deriva negli sforzi di veggenti. In altre parole, qualunque cosa facciamo porta a quella posizione. Don Juan dichiarò che il silenzio interiore si maturava, era accumulabile. Nel mio caso, mi guidò nella costruzione di un nucleo di silenzio interiore in me stesso, e poi ad aggiungerne a questo nucleo, secondo dopo secondo, in ogni occasione lo praticassi. Il silenzio interiore lavora dal momento in cui iniziamo ad accumularlo. Il risultato desiderato è quello che gli  antichi veggenti chiamavano fermare il mondo, il momento in cui tutto ciò che ci circonda cessa di essere ciò che è sempre stato. Questo è il momento in cui i veggenti ritornano alla vera natura dell’uomo. Gli antichi veggenti lo chiamavano anche libertà totale. E ‘il momento in cui lo schiavo uomo diventa uomo l’essere libero, capace di prodezze di percezione che sfidano la nostra immaginazione lineare.

                                                            Carlos Castaneda, Il Lato Attivo dell’Infinito

Questo è un corso in cui ci divertiremo a praticare il silenzio interiore insieme, e a supportare gli altri a costruire e a sostenere una pratica quotidiana di silenzio.

Nella nostra practica riconosceremo che il silenzio per ciascuno di noi potrebbe essere sperimentato diversamente – per alcuni potrebbe essere un completo arresto dei pensieri, per altri potrebbe essere la consapevolezza di un testimone interno o di un osservatore, la distanza dal solito ragionamento della mente, e per altri ancora potrebbe non essere l’interruzione del pensiero qualunque, ma una nuova e nettamente diversa cognizione.

Nel complesso, il silenzio può essere il luogo di nascita della creatività, dell’ispirazione e di ciò che i veggenti chiamano ‘conoscenza silenziosa’, la ricezione delle informazioni istantanee dall’univrso in grande, senza il precursore abituale del trattamento induttivo o deduttivo.

E in qualche modo la conoscenza silenziosa è stata responsabile di alcune delle nostre più grandi scoperte: è stato asserito che le teorie di Einstein fossero nate in parte dai sogni, e la musica senza precedenti di Mozart è stata spesso descritta come ‘la voce degli angeli’.

Ognuno di noi sperimenta il silenzio in modo diverso, così ognuno di noi può anche raggiungere il silenzio e accumularlo o espanderlo in modo diverso. Alcuni possono trovarlo dopo il movimento, altri dopo un periodo di concentrazione sulla respirazione, e altri ancora, attraverso il rilassamento profondo, o la profonda attenzione in una determinata attività o sforzo.

E per ciascuno di noi, il silenzio si sposta in cicli. L’esperienza di un momento di pratica di silenzio può essere completamente diversa da quella successiva, seguendo i molti cicli e i ritmi dei nostri mondi interni ed esterni. Ognuno di noi sarà sostenuto nella navigazione in questi cicli, apprezzando i suoi molti modi di essere.

* * *


Classe 3 — Ciclicità Quarta Serie

Silenzio

Bologna , Via del Pallone 8

Sabato 6 aprile 15,00 – 17,00

Facilitatore Kilian Erthran

Cyclicity4_Silence

 Classi di Tensegrità ® Cleargreen
LOCANDINA

La Classe si svolge in collaborazione con Cleargreen, e nei gruppi di pratica locali nel mondo. Costo di ogni Classe  € 20.00 (quota Cleargreen e palestra), sconti su iscrizioni anticipate a più classi, indispensabili penna e quaderno,  scarpe da ginnastica e abiti comodi. Info kilian.erthran@gmail.com.

 

Ogni volta che il dialogo interno si ferma, il mondo crolla, ed affiorano straordinari aspetti di noi stessi, come se fossero stati tenuti sotto stretta sorveglianza dalle nostre parole…                                   

Don Juan Matus, citato da Carlos Castaneda in L’Isola del Tonal

“I vecchi veggenti,” diceva don Juan, “lo chiamavano silenzio interiore perché è uno stato in cui la percezione non dipende dai sensi esterni. Ciò che è al lavoro durante il silenzio interiore è un’altra facoltà che l’uomo possiede, la facoltà che lo rende un’essere magico… “. Il silenzio interiore è la posizione da cui tutto deriva negli sforzi di veggenti. In altre parole, qualunque cosa facciamo porta a quella posizione. Don Juan dichiarò che il silenzio interiore si maturava, era accumulabile. Nel mio caso, mi guidò nella costruzione di un nucleo di silenzio interiore in me stesso, e poi ad aggiungerne a questo nucleo, secondo dopo secondo, in ogni occasione lo praticassi. Il silenzio interiore lavora dal momento in cui iniziamo ad accumularlo. Il risultato desiderato è quello che gli  antichi veggenti chiamavano fermare il mondo, il momento in cui tutto ciò che ci circonda cessa di essere ciò che è sempre stato. Questo è il momento in cui i veggenti ritornano alla vera natura dell’uomo. Gli antichi veggenti lo chiamavano anche libertà totale. E ‘il momento in cui lo schiavo uomo diventa uomo l’essere libero, capace di prodezze di percezione che sfidano la nostra immaginazione lineare.

                                                            Carlos Castaneda, Il Lato Attivo dell’Infinito

Questo è un corso in cui ci divertiremo a praticare il silenzio interiore insieme, e a supportare gli altri a costruire e a sostenere una pratica quotidiana di silenzio.

Nella nostra practica riconosceremo che il silenzio per ciascuno di noi potrebbe essere sperimentato diversamente – per alcuni potrebbe essere un completo arresto dei pensieri, per altri potrebbe essere la consapevolezza di un testimone interno o di un osservatore, la distanza dal solito ragionamento della mente, e per altri ancora potrebbe non essere l’interruzione del pensiero qualunque, ma una nuova e nettamente diversa cognizione.

Nel complesso, il silenzio può essere il luogo di nascita della creatività, dell’ispirazione e di ciò che i veggenti chiamano ‘conoscenza silenziosa’, la ricezione delle informazioni istantanee dall’univrso in grande, senza il precursore abituale del trattamento induttivo o deduttivo.

E in qualche modo la conoscenza silenziosa è stata responsabile di alcune delle nostre più grandi scoperte: è stato asserito che le teorie di Einstein fossero nate in parte dai sogni, e la musica senza precedenti di Mozart è stata spesso descritta come ‘la voce degli angeli’.

Ognuno di noi sperimenta il silenzio in modo diverso, così ognuno di noi può anche raggiungere il silenzio e accumularlo o espanderlo in modo diverso. Alcuni possono trovarlo dopo il movimento, altri dopo un periodo di concentrazione sulla respirazione, e altri ancora, attraverso il rilassamento profondo, o la profonda attenzione in una determinata attività o sforzo.

E per ciascuno di noi, il silenzio si sposta in cicli. L’esperienza di un momento di pratica di silenzio può essere completamente diversa da quella successiva, seguendo i molti cicli e i ritmi dei nostri mondi interni ed esterni. Ognuno di noi sarà sostenuto nella navigazione in questi cicli, apprezzando i suoi molti modi di essere.

* * *